Descrizione
La vecchia scuola media da qualche anno si chiama scuola secondaria di I grado. Rappresenta la parte conclusiva del primo ciclo di istruzione dove la parte iniziale è costituita dalla scuola primaria (ex-scuola elementare).
È scuola dell’obbligo della durata di tre anni scolastici e si conclude con l’esame di Stato che consente di conseguire la licenza, titolo di studio indispensabile per accedere al successivo grado di scuola (licei, istituti tecnici e professionali).
La scuola secondaria di I grado è nata come scuola media, aperta a tutti, all’inizio degli anni ’60 per realizzare, dopo la scuola elementare, l’obbligo di istruzione che la Costituzione aveva previsto per una durata complessiva di almeno otto anni.
La scuola secondaria di primo grado, attraverso le discipline di studio, ha l’obiettivo di favorire la crescita delle capacità autonome di studio dei ragazzi e di rafforzare le attitudini ai rapporti sociali.
Si prefigge di organizzare ed accrescere le conoscenze e le abilità anche attraverso l’uso delle tecnologie informatiche.
Rispetto alla scuola primaria-elementare, dove vengono forniti all’alunno gli elementi di base del sapere, nella scuola secondaria di I grado l’insegnamento delle discipline di studi è sistematico e approfondito. Anche per questa ragione, nel passaggio dalla primaria alla secondaria di I grado, si registra un netto aumento del numero di materie e del conseguente numero di docenti, rispetto al precedente settore scolastico dove il numero dei docenti è più contenuto e la loro attività di insegnamento è meno specialistica.

Tra le diverse discipline di studio, necessarie per sviluppare progressivamente le competenze e le capacità dei ragazzi, la scuola secondaria di I grado introduce lo studio di una seconda lingua dell’Unione europea, oltre a quello dell’inglese.
In vista del passaggio ai percorsi educativi successivi, questo tipo di scuola aiuta i ragazzi ad orientarsi per la successiva scelta di istruzione e formazione.
Dopo la soppressione dell’esame di licenza elementare avvenuto alcuni anni fa, l’esame di Stato al termine del primo ciclo è il primo esame che i ragazzi si trovano ad affrontare nella loro vita.
Oltre alle prove di esame tradizionali, dal 2008 è stata inserita nell’esame anche la prova scritta nazionale predisposta dall’Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione (Invalsi) e scelta dal ministro dell’istruzione. La prova, oltre a contribuire ad una più ampia valutazione dell’alunno, consente di rilevare il livello generale degli apprendimenti degli studenti italiani e di consentire una comparazione con le analoghe rilevazioni internazionali.

Iscrizioni
Le domande d'iscrizione alle classi prime delle SCUOLE STATALI, per l'anno scolastico 2017/2018, devono essere presentate esclusivamente online collegandosi al sito www.iscrizioni.istruzione.it, dalle ore 8:00 del 16 gennaio alle ore 20:00 del 6 febbraio 2017.
Le famiglie che non dispongono delle strumentazioni informatiche o comunque necessitano di supporto per l'iscrizione online, devono rivolgersi alla segreteria i istituto di Via Campostrino- CESA.

Per l'iscrizione alle SCUOLE NON STATALI si consiglia di contattare le singole scuole. Nel caso si presenti la domanda d'iscrizione ad una scuola non statale si prega di darne comunicazione alla segreteria dell'Istituto comprensivo di riferimento territoriale, al fine di facilitare il controllo sull'obbligo scolastico e di dare attuazione alla disposizione ministeriale che prevede la possibilità d'iscrizione ad un'unica scuola.

Orari scuole statali
Per le classi prime i genitori, nel compilare il modulo d'iscrizione, possono esprimere la scelta tra i seguenti orari:

- 30 ore settimanali;
- 36 ore settimanali con serviz<io di refezione;
- tempo pieno per 40 ore (attivazione subordinata alla presenza di servizi e strutture e alla disponibilità di organico della scuola).

Alimentazione e salute
Nelle scuole dove l'orario scolastico lo prevede, il Comune eroga il servizio di mensa per il quale è previsto un contributo a carico della famiglia.
La qualità del cibo e il controllo dei menù vengono garantiti dal Comune attraverso protocolli ASL; i genitori possono controllare la qualità dei pasti mediante l'apposita commissione mensa, istituita presso ogni scuola. 
È possibile chiedere diete speciali per motivi di salute o di religione.
 
Relazione scuola-famiglia
La famiglia è riconosciuta come primo luogo di educazione dei figli e quindi è chiamata a collaborare con la scuola, partecipando agli incontri individuali o di classe organizzati periodicamente dalla scuola.
I voti relativi alle singole discipline sono espressi in decimi (i voti inferiori a 6 sono di insufficienza), sia nella scuola primaria che nella scuola secondaria di primo e secondo grado.
 
Assenze per malattia per motivi diversi e dimissioni
In caso di assenza per malattia di almeno 6 giorni consecutivi compresi sabato e domenica, deve essere presentato un certificato medico di riammissione. 
Nel caso in cui si tratti di malattia infettiva, il certificato è necessario anche per una assenza inferiore ai 6 giorni. In questo caso i genitori devono informare il più presto possibile il personale scolastico al fine di consentire l'adozione di tutte le possibili cure profilattiche.

Assenza per motivi diversi dalla malattia
Le assenze prolungate vanno comunicate con idonea motivazione alla scuola e all'ufficio segreteria.

I nostri numeri
Le classi della scuola econdaria di I grado dell'Istituto Comprensivo di Cesa sono xx ed ospitano yyy alunni ospitati presso il plesso di BAgno di Gricignano di Aversa.